Collegamento #07

Ora, dovrei scrivere alcune cose per riordinarmi, ma la rubrica non si chiama “confessioni”. O cambio il titolo, o trovo il modo di infilare dei link, oppure me la gioco concettuale e non segnalo nessun sito (“cioè, è un collegamento alla mia anima, nel senso”). Checco con la sua illustrazione che doveva darmi un tema non ha aiutato:Un uomo seduto, circondato da lettere volanti, che si specchia nei suoi demoni. Grazie mille. Questa infinita introduzione metatestuale, che si basa esclusivamente sui processi mentali per riuscire a scrivere un pezzo di 10 righe due ore prima di postarlo, annoia me, figuriamoci chi legge. Bene, ora che ho perso anche i lettori davvero compulsivi (quelli che leggono i pezzi scritti in un blog di immagini sono come quelli che vanno al cinema solo se ci sono da leggere i sottotitoli). (Ho appena scoperto perchè non mi piace il cinema, non c’è niente da leggere per un sacco di tempo). Dicevo, nei giorni scorsi me ne sono andato in paranoia, ubriacatura da contatti. Ora sto meglio. Mammaiuto ha già un discreto seguito, e questo, stupendomi, mi ha terrorizzato. Come quando ti innamori, che sì, è spettacolo, ma anche un bel po’ di grane, ci si prende di quelle responsabilità da mal di testa. E quindi niente, questo è una cosa per un amico e questo è per un lettore compulsivo, vediamo chi arriva fino a qui.

Commenta

Related Posts

0 Condivisioni

8 Comments

on “Collegamento #07
8 Comments on “Collegamento #07

Rispondi