Radio Grafia – Sauro Ciantini

L’attività fumettistica di Sauro Ciantini si lega, per il grande pubblico e per me, al papero Palmiro, che leggevo sulle agende dei compagni di scuola. Non l’ho mai amato particolarmente. Anni dopo conosco Ciantini nello stand Double Shot di Lucca Comics 2009, lo incontro in altre occasioni fiorentine. Mi piace, è un uomo intelligente che avanza dubbi leciti su qualsiasi cosa, con eleganza spregiudicata: sorridendo, o ridendo anche. Ci siamo intesi, io credo, perchè amiamo il dubbio, ma senza che questo ci costringa all’immobilità. Continuavo a non capire Palmiro, ne apprezzavo la cura grafica, il rigore ritmico, ma non riuscivo a legarlo all’autore. Poi, arriva il secondo volume “dell’enciclopedia di Palmiro” e lì vedo la potenza di un grande autore: la prima storia della raccolta instilla dubbi atroci, e lo fa con semplicità commovente. Ho contattato Sauro e gli ho chiesto cosa pensava di mammaiuto.it (e una playlist): lui ha risposto con una serie di dubbi sul sito, e poi ha mandato quasi subito un’altra mail con una sua “playlist soft da disegno”. La selezione non mi convince particolarmente, ma so che passato il momento del dubbio, la amerò.

Commenta

Related Posts

4 Comments

on “Radio Grafia – Sauro Ciantini
4 Comments on “Radio Grafia – Sauro Ciantini
  1. Siam sei virgulti, caro Sauro, difficile sarà zozzare le nostre candide camice, del blu di un sangue, che da tanto siamo snob, abbiam preteso tornasse rosso per non dare troppo nell’occhio. Tornando a noi, per II cocktail insieme, aspettiamo solo un colpo di cannone dal centro toscana, per palesarci a te e ricever così consiglio su cosa bere e mangiare nel nostro tinello.

  2. o coreto, quel che o travato. Ma non è snobismo, è proprio ignoranza, li rilego e non li vedo, gli errorri. Avevo qasi istituito un comitato di correzione serio e puntuale, ma poi mi sono distratto. Il tinello è così, un luogo di grandi distrazioni.

  3. In questo articoletto ci sono molti “erori” di battitura, forse per la troppa fretta, o forse perchè per questi due snob non meritiamo il tempo di rileggere quanto hanno scritto per noi. Al primo cocktail su qualche bastimento battente bandiera liberiana, sporcherò con il loro sangue blu, il bel completo bianco di lavanderia che sicuramente sfoggeranno per attestare che sono sì come noi, ma anche diversi.
    Ovvio che racchiudere l’opera eccelsa di Caeteano Veloso, o di Keith Jarrett, in un solo brano è come come… come… boh. Non ne ho idea. Quindi questa è solo una delle 300.000 playlist possibili che albergano nel mio cervello. Perchè quando disegno, in realtà, uso un solo CD ripetuto all’infinito come un mantra. Ognuno è matto a modo proprio. Comunque “Il tinello del fumetto” è geniale. Delle vere “sorelle Materassi” dei comics. Love.

    • sauro !
      ho appena finito l’ascolto dei lista… e ci stò disegnando sopra…
      …sembra di galleggiare intorno alle due di notte.
      LES NèGRESSES VERTES e I LOVES YOU PORGY sono una meraviglia
      grazie

Rispondi