Menu Chiudi

Laura Camelli

Nasce e vive dalle parti di Leonardo Da Vinci. Ermetica come un dolce allo zenzero dentro una teca di lana cotta. Tutto quello che compone sono finestre su mondi inaccessibili, ma che esistono nella loro interezza. Delle mani capaci di compiere le più sublimi prodezze con qualsiasi materia, dei capelli che fanno invidia a una divinità egizia.

Claudia “Nuke” Razzoli

Toscana, prima di tutto. Narratrice furiosa, sensuale, incontenibile, ricciola e struggente. Ingenua come una papera, permalosa come un furetto, coraggiosa come un’ape. Ogni cosa che attraversa diventa Grande Letteratura dell’800 o una puntata di Drive In.

Francesco Frongia

Dalla Cagliari riot a Palazzo Pitti. Anarchico aristocratico, modello d’alta moda. Sempre alla ricerca di un equilibrio tra la sommossa e il camembert. Disegnatore convinto di essere un rappresentante e viceversa. Il suo segno incarna la contraddizione, il non detto, l’incompiuto, ma con la concretezza del sogno mentre lo stai vivendo.

Lorenzo Palloni

Aretino fuori, milanese dentro. Lavorare, lavorare, lavorare. Un uomo che scrive, disegna, immagina, progetta, storyboarda storie sempre, anche quando sono brutte. Bello come il componente di una boy band che poi diventa un solo singer di grande valore. In coppia con Guarnaccia può decretare l’esplosivo inizio o la catastrofica fine di qualsiasi party.

Sara Menetti

Bolognese di nascita, parigina ad honorem. Disegnatrice in costante ricerca tecnica, perennemente insoddisfatta. Illustratrice e coopertinista di livello internazionale, finge di non essere fumettista per provare a sentire meno l’aspettativa della tavola. Viaggiatrice leggera, maestra di Stile, irraggiungibile come un sottomarino giallo e altrettanto divertente.

Alessio Ravazzani

Dall’oscura provincia conciaria milanese, alla culla del rinascimento. Il miglior stand-up comedian italiano, capace di
affiancare il più atroce cinismo al candore ingenuo di un bimbo speciale. Il suo segno umoristico, inchiostrato con il rigore
dei grandi maestri del passato, è sempre al servizio di storie orribilmente deprimenti. Un uomo maturo di innegabile fascino, vestito come un ragazzino in una sala giochi degli anni 80’.

Giusy Gallizia

Dai porti dell’Adriatico a quelli del Tirreno, sempre pronta a gareggiare in bevute con marinai mercantili. Affascinante come un’eclissi, divertente come uno scherzo in cui ride, quasi, anche la vittima. La capacità di sopportazione di un fascio di cavi di acciaio. Illustratrice delusa, si spera capisca presto di essere una grande narratrice di inconsci.

Francesco Guarnaccia

Pisano, ma così giovane da essere inevitabilmente cittadino del mondo. Un bravo ragazzo, e proprio per questo tremendamente pericoloso. Disegnatore precoce, narratore di stupefacente consapevolezza. Umile, concentrato, entusiasta. In coppia con Palloni può decretare l’esplosivo inizio o la catastrofica fine di qualsiasi party.

Francesco Rossi

Marchigiano della costa, per lui è sempre estate. Silenzioso come una quercia e altrettanto inamovibile. Un uomo capace
di dimenticare il proprio compleanno. Un disegnatore liquido, distratto, inconsapevole come un ragazzino che legge solo shonen. Un narratore interlocutorio, attento, insondabile come un taglialegna che legge solo Kafka.

Giorgio Trinchero

Spezzino esiliato riscopertosi sabaudo. Grigio come il cielo di Londra e altrettanto indifferente. Tra i migliori scrittori
viventi, scrive solo commenti a questioni di metodo marginali e biografie emotive. Amante delle donne e degli uomini, si inventa imprese strampalate per potersene circondare senza sembrare un sentimentale.

Samuel Daveti

Tra la Liguria più spietata e la Toscana più godereccia. Affidabile come un cavallo frisone, traina il carrozzone senza far vedere mai la fatica. Fa fumetti come gioca a calcio: correndo, sudando e incoraggiando tutti. Ateo dalla fede incrollabile, non smette mai di cercare opportunità di gioia e crescita in ogni anfratto dell’esistenza.

Biografie a cura di Giorgio Trinchero