Menu Chiudi
CARA MARISA #07

Nome: Fran

Messaggio: Cara Marisa,
Il problema di cuore che mi affligge non riguarda relazioni amorose, ma una scelta che presto dovrò fare (non so se è valido come problema per questa rubrica). Finita la scuola non so proprio che strada prendere… Amo l’arte e il disegno ma mi sono proprio rotta le palle di studiare, magari sarebbe meglio cercare subito un lavoro. Secondo te cosa dovrei fare? Il tempo stringe ed il mio cuore è proprio indeciso…

Risposta: Carissima Fran,
innanzitutto grazie di avermi scritto anche se il tuo non è un problema di relazioni!
Ogni argomento è ben accetto in questa rubrica, qualsiasi dubbio esistenziale o bisogno di parlare di cose della vita! Ho anche un cane abbastanza pazzo da poter (provare a) elargire consigli su come gestire i rapporti con gli animali domestici. Insomma, magari le relazioni sentimentali e sessuali sono le più gettonate e quelle che ci lasciano più punti interrogativi sulla testa, ma a me piace molto parlare e filosofeggiare a caso su tutti gli aspetti delle nostre giornate, quindi scrivete pure senza vergogna!

Veniamo al tuo problema, che è un bel problema!

Di slancio il mio consiglio sarebbe quello di sforzarti al massimo e cercare di continuare gli studi, perché vale sicuramente la pena fare sacrifici, anche estremi, per assicurarsi un futuro che ci gratifichi!
Ovviamente sto dando per scontato che una formazione scolastica sia fondamentale per il tuo percorso. Tipo per fare fumetti bastano dei corsi occasionali, non occorrono 5 anni all’accademia (almeno che uno non voglia farli per sfizio personale), e anche le scuole di fumetto sono sicuramente un’ottimo luogo da bazzicare, ma suvvia colleghi guardiamoci sinceramente negli occhi: bastano degli workshop. Ovviamente parlo per chi non è portato per starsene seduto ad imparare cose nuove (se facciamo ad alzata di mano sarei una delle prime a scattare), i corsi di per sé non fanno mai male!

Se la tua passione invece è ad esempio la storia dell’arte, io non me ne intendo molto ma presumo serva una laurea, quindi la faccenda si complica.

Insomma, secondo me devi farti un piano e decidere quali sono le tue priorità.

Fai conto che il lavoro che ci scegliamo (premesso che possiamo quasi sempre cambiare idea più avanti) sarà la cosa che dovremo fare (a meno che tu non sia una ricca ereditiera e allora sposami) per più tempo nella nostra vita. Alzarsi ogni mattina e fare un lavoro che detestiamo, con il rimpianto di non aver preso il toro per le corna anni prima, è una delle sensazioni più agghiaccianti che io ricordo di aver mai provato.
Te lo dice una ormai ex receptionist-cameriera.

Però può anche darsi che tu voglia mantenere la tua passione ad un livello più “hobbystico”, perché comunque il discorso del lavoro che ti occupa tempo e impegno fatica risorse, vale anche al contrario. Nel senso che dal momento che decidi di guadagnare grazie alla tua passione ci saranno dei momenti molto spoetizzanti (come in tutti i lavori del mondo). Momenti in cui vorresti fare altro, in cui sarai stanca che questa cosa bellissima sta prendendo il monopolio della tua vita. Momenti poi in cui sentirai questo che adesso è un preziosissimo pensiero felice, caricarsi di tutto il peso del dovere del guadagno.
Ed è una bella merda, quasi quanto la sensazione di aver mollato.
Te lo dice un’autrice di fumetti.

Insomma, per concludere cara Fran…scegliere è un bel burdell’.
Non per niente mi hai scritto per chiedere aiuto!
Rifletti molto bene sulla scelta che vuoi fare, ricordati che niente al mondo è definitivo (se non la morte e comunque pure su quella cazzo ne sappiamo).
L’importante non è la scelta, ma come si arriva alla scelta.
Se apri il tuo cuore a te stessa e parli con estrema sincerità, non puoi sbagliare.
L’errore sarebbe fermarsi ad un pensiero superficiale: oggi mi fa fatica studiare, quindi mollo!
Oppure: mi diverto molto, lo farò sicuramente come lavoro!

Non credo che tu abbia fatto un discorso superficiale, credo che l’impegno dello studio (che è un impegno già lavorativo alla fine!) gravi già molto sulla tua passione, e la cosa ti manda in ansia.

Non ci sarebbe niente di male in questo caso a mettere un attimo tutto da parte e provare altre strade anche che non c’entrano nulla.
Mi raccomando, non aver paura di deludere te stessa!
Non vederlo come un tradimento alla tua passione!
Ripeto: se analizzerai i tuoi desideri con assoluta sincerità, non puoi avere rimpianti.

In ogni caso, qualunque sia la tua decisione, in bocca al lupo in culo alla balena!
E quando vorrai, io sarò qui per risponderti!

Marisa

Hai problemi di cuore? Paturnie che non ti fanno dormire la notte? Cosa stai aspettando:

>>SCRIVI ANCHE TU ALLA MARISA<<


1 Condivisioni
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

TUTTE LE PUNTATE