Menu Chiudi
Cave Canem #06

Tamara appoggia il piatto di fronte al cliente più vecchio, quello abbronzato e con il Rolex: è questo il momento in cui vede per la prima volta la ragazza che siede davanti a lui. È lei, la modella che tutti dicono le somigli così tanto. Chiara Qualcosa, non ricorda il suo nome. Ma è lei. Ed è vero, le somiglia molto. Più di quanto immaginasse. Distoglie lo sguardo appena prima che Chiara la guardi in volto. Tamara torna in cucina, spintona il cuoco e se ne va in bagno. Respira, respira. Tamara ha capito perché quella tipa così famosa e ricca è stata mandata qui, in questa locanda lercia che su Tripadvisor ha cinque stelle; davanti a lei, che spompina il padrone del locale due volte al mese per non farsi licenziare. Ma Tamara non vuole ammetterlo e non vuole fare quello che deve. Si guarda allo specchio: è come lei, identica. Un po’ meno muscoli e un pelo più di pancia ma è lei. In cucina il cuoco e l’altro cameriere, quello albanese, sputano nei piatti e infilano gli uccelli nelle zuppe: un classico. Una volta lei c’ha pisciato dentro, a uno dei consommé ai funghi. Era ubriaca. Nessuno si è mai accorto di niente. E anche se te ne accorgi che fai, ammetti di aver sorbito piscio e pagato venti euro per il servizio? 

Tamara si allunga verso la confezione di Guttalax scaduto nell’armadietto dei medicinali. 

Quando fa effetto, Chiara si alza il vestito da sera e corre in bagno, chiude la porta dietro di sé, si mette sulla tazza e Tamara esce dal ripostiglio le tappa la bocca con uno straccio e le infila il coltello del pane dritto in fronte: il vestito non dovrebbe sporcarsi, così.

“Dove cazzo sei corsa prima? Stai bene?” Chiede il tizio abbronzato e con il Rolex. La ragazza fa segno di no, non sta bene, devono andarsene, ora, subito. Mentre il tipo paga con due biglietti da cento lanciati senza importanza sul tavolo, Tamara va un po’ avanti, sorride, non si gira. Lui la raggiunge, non la bacia, la stringe come un amico, ma poi le passa una mano sul culo. Chissà chi è questo tizio, si chiede Tamara. Ho un bel po’ di cose da scoprire.

0 Condivisioni
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

TUTTE LE PUNTATE